CHI SIAMO

Su noi

“Abbiamo imparato a guardare con gli occhi delle api”

Un luogo di nidificazione naturale in un albero per apicoltura medievale è utile per un essenziale mantenimento delle api e favorisce la biodiversità sul nostro pianeta. Questa nuova strada verso una vecchia cultura dell’apicoltura stimola in noi apicoltori una crescente consapevolezza sulle necessità e sulle condizioni di vita delle api domestiche in un ecosistema minacciato. Inoltre, contribuiamo alla rinascita e alla conservazione di vecchie arti e mestieri.

Che cosa ci ha spinto a prenderci questo impegno?

Nel 2012 abbiamo assistito al cinema alla prima del film “More than Honey” (“Un mondo in pericolo”). Abbiamo subito capito che qualcosa doveva essere cambiato – ed è stata fondata l’AMBASCIATA DELLE API. Da allora lavoriamo per conto di Sua Maestà, l’Ape Regina.

Ogni anno muoiono molti sciami naturali, perché in natura non trovano più luoghi adeguati per la nidificazione. Oggi, purtroppo, per motivi di sicurezza vengono abbattuti molti alberi con cavità, che offrono adatti luoghi di ritiro per uccelli, api vive ed altri insetti. Senza un riparo protetto, una colonia di api non può sopravvivere alle nostre latitudini.

L’AMBASCIATA DELLE API fornisce questi luoghi di nidificazione adeguati e li cura professionalmente.

Quali scopi perseguiamo?

Il nostro obiettivo è quello di installare a Francoforte Greencity e dintorni, per gli sciami di api, luoghi di nidificazione sempre sufficientemente naturali per un essenziale ricovero. Ci concentriamo non sulla raccolta del miele, bensì sul benessere degli insetti da impollinazione per noi così essenziali. In questo modo creiamo un ambiente, dove le api possono nuovamente sentirsi bene. Come si dice: se l’ape sta bene, sta bene anche l’uomo. Vogliamo far rigermogliare città e paesaggio e quindi diamo un importante contributo alla biodiversità.

Qual è la cosa particolare per questo essenziale mantenimento delle api?

Questi luoghi di nidificazione vengono installati all’esterno ad un’altezza di circa 5-6 metri negli alberi. Restituiamo alle api il loro riparo naturale in un albero e rendiamo loro possibile uno stile di vita adatto alla specie. Anche se questa tradizionale dimora delle api risale a tempi antichi, in un bugno moderno è possibile ottenere un’assistenza professionale e provvedimenti contemporanei di apicoltura.

Come lavoriamo in concreto?

L’AMBASCIATA DELLE API crea bugni mobili secondo lo stile dell’apicoltura medievale. Li installiamo su alberi idonei in luoghi ricercati nella zona di Francoforte e li curiamo 365 giorni all’anno. BIENENBOTSCHAFT è partner di cooperazione di HOBOS, Prof. Dr. med. Jürgen Tautz University of Würzburg con l’Ext. Dipendenti Dipartimento: Scienza e ricerca Torben Schiffer / progetto-stato e si basa sugli ultimi risultati della ricerca il bottino evoluto di Zeidler Art B3 – L’habitat più naturale per un futuro sano della nostra ape!Ci siamo posti come obiettivo di trovare partenariati e sponsor a lungo termine per singoli luoghi di nidificazione, al fine di poter organizzare il progetto in modo sostenibile. Un inizio è stato fatto a Francoforte ma sogniamo di portare presto nel mondo questa idea. Ci stiamo lavorando!

Antonio Gurliaccio
Dal 2012 Apicoltore, esperto di apicoltura medievale e fondatore dell’AMBASCIATA DELLE API
Dal 2012 corsi di apicoltura Bieneninstitut Kirchhain
2015 formazione di esperti di apicoltura medievale Ballenberg Svizzera 2015 (Free the bees)
2016 studio di apicoltura medievale alla fonte Barciowisko Polonia & Barctwo Bartne
2017 formazione per tecnica di arrampicata su alberi e studio degli alberi (arborfaktur / Götz cura degli alberi)
2017 1° posto nella gara internazionale Barciowisko 2017 Augustow Polonia
2018 1° posto nella gara internazionale Barciowisko 2018 Augustow Polonia

Moses M. Mrohs
Co-fondatore, artista, creatore di eventi e AMBASCIATORE DELLE API

La nostra rete

Torben Schiffer
BIOLOGO/BEENATURE-PROJECT
beenature-project.com
Urs Heusser
Apicoltura delle api scure
Apis Mellifera Svizzera
Facebook
Luciano Bartolomeo
Insegnante di scienze agrarie / apicoltore e collega di apicoltura medievale Italia
Michael Altstetter
Collega di apicoltura medievale e apicoltore
golden-bee.de
Martin Götz
Economo agrario specializzato cura degli alberi
goetz-baumpflege.de
Leandro Marasco
Aiutante esperto di apicoltura medievale
Florian Kuttner
Pedagogo dei boschi, collega di apicoltura medievale
Timo Schinz
Consulente sanitario GGB, aiutante di apicoltura medievale
vitalstoffreich-vollwertig.de
Brigitte Spahr
Corrispondente in lingue estere,
BIENENBOTSCHAFTERIN
Andreas Kramer
Apicoltura bio
bluehende-landschaft.de
kramerhonig.de
Ben Schmehe
Coltivatore di avena biodinamica, apicoltore per hobby
dottenfelderhof.de
Sabine Schorr
Frankfurt School of Finance & Management gGmbH
SENIOR PROJEKT MANAGERIN PROFESSIONAL & EXECUTIVE EDUCATION
fs.de/campusbees

Giardino botanico Francoforte sul Meno
Ing. Manfred Wessel
Direttore del giardino botanico
botanischergarten-frankfurt.de

Prof. Dr. Dr. Christian Winter
Zoologo, alveare giardino botanico FFM
botanischergarten-frankfurt.de
uni-frankfurt.de

Dr. Lotte Jüling-Pohlit
Apicoltrice
frankfurter-imker.de

Dr. Jürgen Becker
NABU-Karben
nabu-karben.de

Prof. Dr. Roland Prinzinger
Ornitologo, NABU-Karben
prinzinger-roland.de

Zielona Barc Olesno
Bugno verde
facebook.com/zielona.barc

Prof. Dr. Jürgen Tautz
HOBOS-Team, Università di Würzburg
HOneyBee Online Studies
hobos.de

Umweltbildungszentrum “Schatzinsel Kühkopf”
Ralph Baumgärtel / Leiter des Umweltbildungszentrums
Christian Kehrenberg / Umweltpädagogik
https://schatzinsel-kuehkopf.hessen.de

Piotr Pilasiewicz
Fratellanza apicoltura medievale Barctwo Bartne
bartnictwo.com

Traditional beekeeping
Uffici forestali Augustow/Polonia
tradycyjne-bartnictwo.pl

André Wermelinger
Presidente fondatore
freethebees.ch

Ivan Osipau
Fratellanza apicoltura medievale Belarus
bortnictva.by

Nic
Natura e uomo
naturaiczlowiek.org

Collaborazioni

Beenature-Project/HOBOS

L’AMBASCIATA DELLE API lavora da subito con competenza scientifica del biologo Torben Schiffer, che sotto la direzione del Prof. Jürgen Tautz nel gruppo HOBOS ha recentemente analizzato le basilari differenze di cavità degli alberi e arnie in riferimento alle condizioni climatiche interne e le loro conseguenze per la salute delle api. Schiffer è stato assunto dal Prof. Tautz proprio per questo scopo.

Per le positive condizioni climatiche non è importante solo la scelta del legno, bensì devono essere tenuti in considerazione anche gli aspetti architettonici, affinché un bugno fornisca effettivamente valori climatici interni comparabili con una adeguata cavità naturale di albero. Gli effetti delle condizioni climatiche sulla salute delle api sono significativi e non devono assolutamente essere sottovalutati (fonte). Quindi, adegueremo i bugni, da secoli costruiti nello stesso modo, alle più recenti scoperte scientifiche e registreremo e valuteremo i risultati di queste trasformazioni con registratori di dati climatici altamente sensibili. Il Prof. Tautz ha concesso personalmente l’autorizzazione allo sviluppo e all’acquisizione di una corrispondente tecnica di sensori, che viene ora messa a disposizione anche dell’ambasciata delle api come parte di questa ricerca collaborativa. I risultati ottenuti vengono pubblicati “open-source” per l’apicoltura e l’arte di apicoltura medievale. Si aspettano i primi risultati per la primavera.

Drayer

“Innovazione nella coltura degli alberi”
Commercio specializzato per la cura degli alberi e tecnica con corda

HUSQVARNA

“Attrezzatura migliore, maggiore produttività”
Seghe a motore con scarsi danni per l’ambiente

Notizie